Il mondo creativo sta ora cambiando a un ritmo incredibilmente veloce grazie all’intelligenza artificiale che diventerà mainstream nel 2023 e verrà inserita in ogni cosa.

I software creativi aziendali sono già saliti sul carro con l'introduzione di prodotti AI come adolescenteessere Firefly più Canva Magic Design. E stanno raccogliendo in modo massiccio i frutti di questa rivoluzione attraverso la proposta di intelligenza artificiale a basso costo e ad alto valore che fornisce a molti utenti un aumento esponenziale di produttività e creatività.

Il software libero e open source (FOSS) deve abbracciare il grande cambiamento epocale dell’intelligenza artificiale e adattarsi, piuttosto che ignorarlo o evitarlo e mantenere il suo status quo.

Adottando l’intelligenza artificiale, FOSS può sfruttare decenni di contributi gratuiti da parte della sua comunità di programmatori volontari, capitalizzando l’intelligenza artificiale, l’automazione e l’apprendimento automatico, come molte imprese commerciali già fanno internamente da anni. Può studiare le caratteristiche dell'intelligenza artificiale e implementare nuove tecnologie ovunque abbia il maggiore impatto, come aiutare nel processo di sviluppo o assistere gli utenti nella creazione di contenuti di qualità.

A mio parere, si può facilmente sostenere che l’intelligenza artificiale aiuta il software creativo libero a raggiungere la sua missione principale: fornire a tutti, indipendentemente da chi siano o da dove provengano, l’accesso a strumenti professionali gratuiti che facilitano la creatività.

Evitando l’adozione dell’intelligenza artificiale, FOSS consoliderà la sua reputazione di sviluppo a passo di lumaca, non soddisfacendo le esigenze degli utenti e rimanendo indietro rispetto all’innovazione.

Ci sono sicuramente molte sfide e ostacoli che derivano dall’accogliere l’IA a braccia aperte. La sfida principale è l’integrità, o addirittura la legalità, dei contenuti creati da una fusione di opere degli utenti raccolte indiscriminatamente su Internet da sistemi automatizzati. Ma esistono già linee guida ragionevoli sulla creazione e la visualizzazione di contenuti generati dall’intelligenza artificiale, e ci saranno inevitabilmente opzioni di opt-out o “nessun indice” per impedire in futuro l’apprendimento automatico ingiustificato da contenuti proprietari o di proprietà degli utenti.

L’intelligenza artificiale non farà altro che aumentare – non scomparirà – e coloro che non la sfrutteranno svaniranno nell’obsolescenza. Software FOSS simile GIMP, WordPremere, Inkscape, Krita, Blender e Darktable dovrà pianificare e implementare una strategia di intelligenza artificiale che supporti almeno un’integrazione responsabile e significativa dell’intelligenza artificiale tramite plug-in di terze parti.

Alla fine, tuttavia, gli utenti si aspetteranno che le caratteristiche e le funzionalità principali dell’intelligenza artificiale nelle loro app creative rendano la loro vita e le loro attività creative più facili e divertenti. Se le applicazioni FOSS esistenti non riescono a soddisfare questa esigenza, gli utenti cercheranno altri programmi o progetti che possano farlo.

Grazie per aver letto questo articolo! Se ti è piaciuto, puoi controlla altri contenuti dal mio sito qui!