In questo articolo fornirò un confronto approfondito tra GIMP, che è un software di fotoritocco gratuito, e Photoshop, il software di fotoritocco di punta di Adobe.

Se preferisci, puoi guardare la versione video di questo argomento qui sotto, oppure saltarlo e continuare con l'articolo, che è disponibile in oltre 30 lingue (usa il menu a discesa delle lingue nell'angolo in alto a sinistra della pagina).

Dichiarazione di non responsabilità rapida: creo tutorial e corsi GIMP dal 2011 e sono stato un forte sostenitore sia di GIMP che del software gratuito e open source. In effetti alcuni di voi sanno che non ho paura di parlare in modo critico ogni tanto di Adobe in alcuni dei miei video. Ma penso che molti di voi vorrebbero un approccio più neutrale e obiettivo quando si confrontano questi due programmi, quindi è quello che ho deciso di fare per l'articolo di oggi.

Per eseguire il confronto, utilizzerò GIMP 2.10.18 e Photoshop CC 2020, che sono entrambe le ultime versioni dei rispettivi software (al momento della creazione di questo contenuto).

Inizierò questo articolo con un'introduzione a Photoshop e GIMP e la seguirò con i punti di forza e di debolezza di entrambi i programmi. Nota che non tratterò in alcun modo tutte le funzionalità presenti in entrambi i programmi poiché ciò renderebbe questo articolo eccessivamente lungo. Iniziamo con un'introduzione ai due programmi.

Introduzione a Photoshop

Non è un segreto che Photoshop sia stato un'icona culturale per la maggior parte degli ultimi due decenni e che abbia definito e dominato il panorama del fotoritocco e della manipolazione sin dal suo inizio nel 1990. È diventato così radicato nella società che il nome del marchio di per sé è diventato un verbo, come in "Photoshop" qualcuno da una foto.

Lo strumento "Seleziona soggetto" è uno dei tanti strumenti "intelligenti" di Photoshop che semplifica il lavoro di fotoritocco

Oggi Photoshop è diventato un punto fermo nell'arsenale di fotoritocco dei fotografi di tutto il mondo. Utilizza molti strumenti di selezione intelligente basati sull'intelligenza artificiale e funzionalità di modifica non distruttive. Inoltre, Photoshop ha un sacco di strumenti intelligenti per la creazione di modelli per risorse di branding, web design e altro ancora.

È considerato il software standard del settore per il fotoritocco e la manipolazione ed è il programma di riferimento per fotografi professionisti e agenzie creative

Introduzione a GIMP

Gli studenti della UC Berkley hanno creato il programma di manipolazione delle immagini Gnu come alternativa Linux a Photoshop

D'altra parte, GIMP, o GNU Image Manipulation Program, è parallelo a Photoshop sin dal suo inizio nel 1996. Originariamente fondato da un paio di studenti universitari della UC Berkley come valida alternativa al fotoritocco per i sistemi operativi Linux, questo software gratuito ha si è evoluto attraverso lo sviluppo basato sulla comunità per essere di gran lunga la migliore alternativa GRATUITA di Photoshop sul pianeta.

Lo strumento Selezione in primo piano è uno dei tanti strumenti utili in GIMP per il fotoritocco e la manipolazione

GIMP ha tutto ciò di cui hai bisogno per modificare e manipolare le tue foto, inclusi strumenti di base e più avanzati. Sebbene sia molto popolare, "GIMP" non è ancora diventato un verbo, il che forse è il migliore considerando che non penso che le persone vogliano essere "rimosse" da una foto. Tuttavia, questo non toglie il fatto che GIMP ha avuto un aumento vertiginoso negli ultimi anni grazie al suo sviluppo migliorato e al supporto della comunità.

GIMP è diventata una scelta ovvia per fotografi, fotoritoccatori e artisti digitali di tutti i giorni.

Detto questo, immergiamoci in ciò che mi piace e non mi piace in particolare di ciascun programma, iniziando da ciò che mi piace di Photoshop.

Punti di forza di Photoshop

I punti di forza di Photoshop iniziano con il suo team di sviluppatori e ingegneri software di prim'ordine. In qualità di "Golden Goose" di un'azienda multimiliardaria, Photoshop ha essenzialmente una scorta infinita di talenti e risorse per mantenere e sviluppare il programma.

Di conseguenza, il programma innova costantemente con nuove funzionalità, prestazioni migliorate e funzionalità multipiattaforma.

Camera RAW è un processore RAW integrato per la modifica di immagini RAW in Photoshop

Photoshop è senza dubbio un programma molto complesso con integrazioni multiple che funzionano perfettamente, come l'interfaccia di elaborazione RAW integrata "Camera Raw", oggetti intelligenti per la creazione di risorse di progettazione interattive e integrazioni di app Creative Cloud per inserire composizioni da altre app Adobe come Lightroom o Illustrator.

La pagina "Impara" di Photoshop contiene collegamenti a tutorial per principianti

Inoltre, Photoshop ha integrato tutorial nella sua schermata iniziale per aiutare i principianti a imparare il programma, così come i modelli Adobe Stock per creare progetti veloci. Ovviamente, avrai bisogno di un piano Creative Cloud che includa Adobe Stock per accedere a modelli o foto stock.

L'interfaccia utente di Adobe Photoshop è semplice nel design ma anche ricca di funzionalità. Ha strumenti raggruppati, dialoghi che possono essere riposizionati ovunque nell'area di lavoro e una barra "opzioni" dinamica che cambia in base allo strumento selezionato per rivelare ulteriori impostazioni degli strumenti.

Lo strumento Selezione oggetto seleziona rapidamente gli oggetti sulla tela in Photoshop

Entrando in alcuni degli strumenti, Photoshop ha una varietà di strumenti di selezione intelligenti che funzionano in modo rapido e intelligente. Questi strumenti non sono perfetti, però, come ho dimostrato nel mio “GIMP vs Photoshop: cancellazione dello sfondo in 90 secondi" video. Tuttavia, strumenti come lo strumento Selezione oggetto e lo strumento Selezione rapida sono strumenti di selezione intelligente abbastanza efficaci. Questi strumenti sono inoltre dotati del pulsante "Seleziona oggetto" nella barra delle opzioni per selezionare rapidamente i soggetti importanti nella foto. Inoltre, il pulsante "Seleziona e maschera" all'interno di questi strumenti fa apparire una finestra di dialogo delle proprietà per perfezionare rapidamente le regioni di selezione, estendendone ulteriormente le capacità e velocizzando il flusso di lavoro.

Gli strumenti Heal e Clone di Photoshop ti consentono di individuare facilmente la correzione, il ritocco o la cancellazione degli oggetti nelle immagini

Non posso parlare di Photoshop senza menzionare le caratteristiche che hanno reso famoso Photoshop. Questi strumenti includono gli strumenti Aerografo, Correggi, Clona e Deformazione, oltre agli strumenti di rimozione degli oggetti di Photoshop. Photoshop è notoriamente bravo a trasformare il corpo, scatenando un dibattito mondiale sull'immagine del corpo e sull'eventuale necessità di disclaimer su immagini pesantemente photoshoppate. Inoltre, la funzione Content Aware Fill può cancellare praticamente qualsiasi cosa all'interno di un'area di selezione da una foto e lo strumento Spot Healing può dipingere rapidamente gli errori in una foto come una macchia sulla maglietta di qualcuno.

Lo strumento Curve è uno dei tanti strumenti di base per la modifica delle immagini in Photoshop

Photoshop ha naturalmente una suite completa di strumenti di regolazione dell'immagine come Curve, Livelli, Scherma e Brucia e vari strumenti di trasformazione come Trasformazione libera e Ritaglia, oltre a una varietà di filtri per attività comuni come la sfocatura o la nitidezza.

I livelli di regolazione, come quelli mostrati qui, ti consentono di apportare modifiche non distruttive alle immagini

Tuttavia, uno dei principali punti di forza del programma deriva dalle sue funzionalità di modifica non distruttive, in particolare i livelli di regolazione che consentono di preservare facilmente la foto originale mentre si lavora o di tornare indietro e modificare le regolazioni apportate in qualsiasi momento del flusso di lavoro .

Photoshop è senza dubbio un programma di fotoritocco e ritocco di livello mondiale utilizzato da molti dei migliori fotografi del mondo. Funziona bene, anche con immagini di dimensioni maggiori, con la maggior parte dei suoi strumenti velocissimi. Funziona su Mac, Windows e iPad (con il nuovo Photoshop per iPad). Naturalmente, ha anche una vasta comunità di creatori che creano migliaia di tutorial, articoli e corsi informativi sul programma. Infine ci sono molti componenti aggiuntivi, plug-in, pennelli, caratteri, ecc. che puoi scaricare e installare per Photoshop per migliorare ulteriormente il programma.

Punti di forza di GIMP

Passiamo a GIMP, che sicuramente ha avuto un'educazione diversa da Photoshop.

Piuttosto che avere risorse monetarie e di sviluppo illimitate per mantenere il proprio software, GIMP si basa interamente sui contributi volontari di una comunità open source di sviluppatori part-time (con lavori giornalieri). Non esiste un enorme ombrello aziendale o un esercito di ingegneri software di alto livello da nove a cinque che dedichino la propria vita lavorativa allo sviluppo di GIMP.

Nonostante ciò, GIMP è riuscito a sopravvivere per quasi un quarto di secolo al momento di questo articolo, diventando una potente alternativa a Photoshop. Questa mentalità bootstrap del processo di sviluppo di GIMP spesso funziona a suo favore, creando una cultura di comunità attorno al progetto.

GIMP ha strumenti raggruppati (freccia rossa), opzioni degli strumenti (freccia verde) e altre funzionalità simili a Photoshop

Ci sono molte funzionalità trovate in GIMP che sono ovviamente ispirate a Photoshop, ma GIMP è tutt'altro che una copia o una copia carbone. Fa molte cose in modo diverso mentre in realtà fa alcune cose better rispetto a Photoshop. Aprendo GIMP per la prima volta, noterai immediatamente che, come Photoshop, ha strumenti raggruppati, un tema scuro e finestre di dialogo che circondano la tela. C'è anche una finestra di dialogo Opzioni strumento che ti consente di regolare varie impostazioni per i tuoi strumenti.

GIMP utilizza un sistema di livelli (freccia rossa) e la sua interfaccia utente può essere riorganizzata e ridisegnata

Come Photoshop, i dialoghi possono essere spostati per creare diversi spazi di lavoro. GIMP utilizza anche un sistema di livelli che include la possibilità di aggiungere maschere di livello, raggruppare i livelli insieme e aggiungere modalità di livello ai livelli.

Curiosità: ci sono più modalità di livello in GIMP che modalità di fusione in Photoshop.

Anche come Photoshop, GIMP contiene molti strumenti di selezione intelligente, con il suo strumento più potente che è lo strumento di selezione in primo piano. Questo strumento contiene funzionalità simili che si trovano negli strumenti Selezione oggetto, Selezione rapida e Seleziona soggetto presenti in Photoshop.

GIMP contiene molti potenti strumenti di ritocco e modifica come lo strumento Curve

GIMP dispone di potenti strumenti di ritocco tra cui lo strumento Heal, lo strumento Clone e lo strumento Warp Transform. Questi strumenti funzionano con la stessa efficacia dei loro equivalenti Photoshop, consentendo di ritoccare le foto in modo tempestivo e ottenere risultati professionali. Ha tutti gli strumenti di regolazione dell'immagine vitali come Curve, Livelli, Scherma e Brucia e altro per il fotoritocco di base e avanzato.

Lo strumento di trasformazione 3D di GIMP è una delle molte funzionalità avanzate presenti nel programma

Ha anche una suite di strumenti di trasformazione come lo strumento di trasformazione unificata, lo strumento di scala e lo strumento di trasformazione 3D più avanzato.

I filtri GEGL in GIMP ti consentono di visualizzare in anteprima dal vivo e dividere gli effetti di anteprima

GIMP ha una varietà di filtri per attività di fotoritocco comuni come la nitidezza e la sfocatura, oltre a filtri per effetti più avanzati come il filtro Long Shadow. La maggior parte di questi filtri viene eseguita su un motore open source noto come GEGL che consente prestazioni più rapide e funzionalità interessanti come l'opzione di anteprima della vista divisa. ne ho un intero video tutorial dedicato al concetto GEGL sul mio sito.

Proprio come Photoshop, GIMP ha una vasta comunità di creatori di contenuti che creano tutorial pratici. Davies Media Design, ad esempio, ha centinaia di tutorial gratuiti su YouTube, Aiuto Articoli qui sul nostro sito web e più Corsi GIMP per padroneggiare il programma e migliorare il tuo fotoritocco.

G'MIC è uno dei tanti plugin disponibili per estendere le capacità di GIMP

Nelle aree in cui manca GIMP, di solito c'è un plug-in o una risorsa di terze parti per colmare le lacune. Ad esempio, il Plug-in G'MIC fa un ottimo lavoro offrendo filtri ed effetti aggiuntivi, mentre il Plug-in Resynthesizer ti dà accesso a uno strumento intelligente di cancellazione degli oggetti che funziona altrettanto bene, se non meglio, del riempimento sensibile al contenuto di Photoshop.

Programmi gratuiti come Darktable si accoppiano bene con GIMP

Inoltre, è disponibile una suite completa di programmi software gratuiti e open source gratuiti come Darktable per l'elaborazione RAW, Inkscape per la grafica vettoriale e Blender per la progettazione e l'animazione 3D. Usano una base di codice simile a GIMP, quindi una volta che ne impari uno, gli altri hanno una curva di apprendimento più piatta.

Come Photoshop, GIMP supporta caratteri di terze parti, pennelli e motivi. Supporta anche l'uso della maggior parte dei pennelli di Photoshop.

Finalmente ci sono alcuni fantastici siti web di foto stock gratuiti come Pexels, Unsplash ed Pixabay con risorse gratuite da scaricare e utilizzare per qualsiasi progetto GIMP.

In definitiva, GIMP trova il suo punto di forza nella sua semplicità, che lo rende ideale per il fotografo occasionale o il fotoritocco principiante. Tuttavia, man mano che approfondisci il software, imparerai che è abbastanza potente da eseguire attività di modifica e manipolazione di livello professionale. Funziona su tutti i sistemi operativi desktop, inclusi Windows, Mac e Linux e, in fin dei conti, è assolutamente gratuito e supportato da una fantastica community.

Va bene, quindi ho spiegato cosa mi piace di entrambi i programmi, ma entriamo nel punto in cui i programmi hanno i loro punti deboli, a partire da Photoshop.

Debolezze di Photoshop

Il punto debole più evidente di Photoshop è la quota di abbonamento che paghi ogni mese. Per molte aziende e privati ​​questa è una spesa aggiuntiva non gradita, soprattutto in tempi finanziari difficili come in questo momento. E sì, so che il software piratato per aggirare il prezzo è diventato comune, ma questo comporta molti rischi inutili che non affronterò per questo articolo.

Al di fuori del suo prezzo, Adobe ha anche la tendenza ad aggiornare costantemente il suo software. Questo di solito è più un bene che un male, ma gli aggiornamenti costanti possono essere una seccatura per alcuni, richiedendo quantità sempre maggiori di potenza di calcolo e una curva di apprendimento sempre più profonda, soprattutto perché Adobe ha costretto i suoi utenti a smettere di utilizzare le versioni precedenti del software. Se una versione di Photoshop contiene un bug, ad esempio, ma l'aggiornamento non è compatibile con il sistema operativo o la scheda grafica di un utente, l'utente è bloccato con il bug o deve aggiornare il proprio computer.

Mantenendo la compatibilità per il prossimo punto debole, Photoshop funziona con i sistemi operativi Windows e MAC, nonché su iPad, ma non funziona sui sistemi operativi Linux. Ovviamente puoi usare una macchina virtuale per eseguire Photoshop su Linux, ma non è esattamente come eseguirlo direttamente sul desktop.

Infine, per gli utenti che desiderano semplicemente modificare le foto per progetti personali, di piccole imprese o di passione, Photoshop contiene più funzionalità di quante ne avranno mai bisogno. Questa complessità può rallentare semplici attività di fotoritocco, soprattutto quando si lavora su un computer che funziona al di sotto dei requisiti di sistema consigliati.

Debolezze di GIMP

Passiamo ai punti deboli di GIMP.

Avere una forza lavoro volontaria è ciò che rende GIMP gratuito, ma questo ha degli svantaggi. Per uno, lo sviluppo su GIMP può essere incoerente, con nuove versioni di rilascio impiegando da tre a sei mesi per essere reso disponibile, rispetto al programma di una versione più stabile di Photoshop al mese. Capita spesso che GIMP abbia più idee di quante ne abbia gli sviluppatori per implementare tali idee, con il risultato che alcune funzionalità vengono ritardate rispetto a più correzioni di bug di routine, mentre altre funzionalità vengono completamente trascurate.

Un altro punto debole di GIMP è la mancanza di funzionalità di modifica non distruttive. Sebbene negli ultimi anni abbia guadagnato terreno su questo fronte, non ha ancora funzionalità popolari come livelli di regolazione o oggetti intelligenti. Per molti fotografi abituati a lavorare con queste funzionalità in Photoshop, questo può essere un problema. Tuttavia, ci sono alcune soluzioni alternative per preservare le tue immagini mentre lavori e il team di GIMP ha promesso livelli di regolazione in una versione futura (GIMP 3.2, per l'esattezza). Hanno anche annunciato di esserlo sviluppare la propria versione di oggetti intelligenti per una prossima versione di GIMP.

Infine, GIMP non supporta attualmente le modalità colore CMYK complete. Ciò significa che tutte le tue immagini vengono modificate nello spazio colore RGB e quindi potrebbero non essere visualizzate correttamente se devi stampare il tuo lavoro. Questo è ancora una volta un problema per alcuni, in particolare per coloro che lavorano molto con le stampanti, ma per le persone che pubblicano solo il loro lavoro online questo non è un fattore.

GIMP offre Modalità soft-proofing CMYK che ti permettono di vedere in anteprima come appariranno i tuoi colori una volta stampata la tua composizione, che tratterò in un tutorial dedicato. Per alcuni utenti, tuttavia, questo non è sufficiente in quanto crea comunque problemi di compatibilità, soprattutto se qualcuno ti invia una foto in modalità CMYK e ti indica di non convertirla in uno spazio colore RGB. Ancora una volta, il team di GIMP ha in programma di implementare una modalità colore CMYK completa, ma attualmente il programma non la supporta.

Quale programma dovresti usare?

Se ti stai ancora chiedendo quale programma dovresti usare, lasciami riassumere in questo modo: GIMP è una fantastica alternativa gratuita a Photoshop per piccole imprese, fotografi occasionali, influencer che pubblicano il loro lavoro direttamente al loro pubblico online e persino professionisti o fotografi freelance che lavorano con un budget. È perfetto anche per i principianti che desiderano provare il fotoritocco e la manipolazione senza dover effettuare un acquisto. In altre parole, se non stai lavorando con clienti o agenzie che richiedono di lavorare in Photoshop, GIMP farà il lavoro bene.

Se sei un fotografo professionista che lavora per un'agenzia che utilizza solo prodotti Adobe, o qualcuno che non è così attento al budget ed è disposto a dedicare ore per imparare i dettagli di un programma più complesso, Photoshop è sicuramente per te. Dopotutto, è il miglior software di fotoritocco che il denaro possa comprare (per ora). Assicurati solo di avere un computer abbastanza potente per gestire il programma, altrimenti potresti non essere in grado di sfruttare appieno la potenza di Photoshop.

E ricorda, puoi sempre scarica GIMP gratuitamente, anche se decidi di acquistare Photoshop.

Questo è tutto per questo articolo! Se ti è piaciuto, puoi controllare di più Tutorial video GIMP, Aiuto Articolio diventa a Membro DMD Premium per accedere a contenuti aggiuntivi, inclusi i corsi!

Pin It on Pinterest